Treno storico – Mercatini di Natale a Trento

Il treno, con i suoi agi di tempo e i suoi disagi di spazio, rimette addosso la disusata curiosità per i particolari, affina l’attenzione per quel che si ha attorno, per quel che scorre fuori del finestrino.
(Tiziano Terzani)

Un viaggio a ritroso nel tempo.

Mi è sempre piaciuto viaggiare in treno, è probabilmente il mio mezzo di trasporto preferito (sì, lo so i treni sono spesso in ritardo, le linee regionali sono trascurate, ma non è questo il punto) e quindi non potevo perdere la possibilità di raggiungere i mercatini di Natale di Trento a bordo di un convoglio d’epoca elettrico, per di più in prima classe.

Viaggio da Brescia a Trento, senza fermate intermedie, per meno di due ore, comodamente seduta in una poltrona di velluto rosso di uno scompartimento a sei posti in una carrozza della serie “UIC-X” realizzata a partire dai primi anni ’60 sulla base di un progetto standard europeo.
In quegli anni si trattava del modello più moderno del parco FS, destinato a servizi di media e lunga percorrenza, capace di raggiungere fino a 200 km/h nella ultime versioni.
All’andata mi trovo nella prima carrozza dopo la locomotiva, una “serie E656” elettrica in corrente continua di cui sono stati prodotti 461 esemplari a partire dal 1975. Una volta i 12 motori, su tre carrelli a due assi, che consentivano una velocità di 150 km/h erano il top della gamma per un modello che ricevette il nomignolo di “Caimano”.
Curiosità tecniche a parte, il viaggio è stato davvero un salto nel passato, perché proprio su queste carrozze (ovviamente in seconda classe e sovente in piedi o su uno dei non proprio morbidi strapuntini in corridoio), e in parte su questo stesso tragitto fino a Verona, ho preparato innumerevoli esami universitari, come, lo scoprirò dai loro racconti, è successo anche ai miei compagni di viaggio.
Il treno macina i chilometri e anche se viene superato a più riprese dai nuovi Frecciarossa, sicuramente più veloci e dalle linee moderne, non perde un grammo del suo fascino, anzi si inserisce perfettamente in quell’atmosfera vagamente retrò che caratterizza il primo binario della stazione di Trento.

Ed eccoci arrivati a destinazione, pronti a scoprire il centro cittadino e i suoi mercatini natalizi che, tranne per alcune bancarelle in Piazza Fiera, si rivelano piuttosto deludenti. L’aspetto più piacevole, complice anche una giornata non eccessivamente fredda e un cielo relativamente sereno, è passeggiare per le vie che circondano il Duomo, ammirando le facciate dei palazzi nobiliari e i balconi decorati, i negozi di specialità alimentari e le botteghe più caratteristiche. Ma è giunto il momento di avvicinarci alla nostra vera destinazione, il Castello del Buonconsiglio e, con un po’ di fortuna, la visita della Torre Aquila…

Piè di pagina
Per le informazioni tecniche sul convoglio si ringrazia l’Associazione F.T.I. – Ferrovie Turistiche Italiane
Per scoprire le proposte del 2019: https://media-ferrovieturistiche-2.s3.amazonaws.com/allegati/CALENDARIO_PROVV._TRENOBLU_2019.pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.